Vai al contenuto

Forni Romani lungo il Viale delle Sfingi

luglio 17, 2020

(Ministero delle Antichità d’Egitto)

In Egitto sono stati scoperti i resti di alcuni forni e di un muro di epoca romana lungo la famosa strada delle sfingi, tra i templi di Luxor e Karnak. Gli archeologi hanno scoperto le strutture nell’ambito di un progetto di restauro. I forni sarebbero stati usati per cuocere mattoni di fango o oggetti di ceramica, mentre il muro sarebbe servito da argine contro le piene del Nilo.

(Ministero delle Antichità d’Egitto)

La Kabbash Road, nome moderno della strada, era fiancheggiata da circa 1.200 sfingi dal volto di ariete, e collegava il tempio di Luxor al Grande tempio di Amon di Karnak. Sul lato occidentale, presso il quartiere di Naga Abu Asaba, la squadra di ricercatori ha scavato un muro lungo 30 metri, alto 2,5 e largo 3. Vi era anche un altro pezzo del muro in pietra arenaria che si estendeva da Karnak a nord a Luxor a sud. Organizzata in tre file orizzontali di blocchi di arenaria, la barriera era stata costruita per proteggersi dalle inondazioni stagionali del fiume Nilo. Migliaia di anni fa, la Kabbash Road aveva un ruolo chiave nella festa di Opet: i faraoni guidavano una processione sacra dal tempio di Karnak fino al tempio di Luxor. Il corteo celebrava gli dèi con le statue della triade tebana su barche sacre.

Il governo egiziano sta cercando da anni di riportare la strada al suo antico splendore. La ristrutturazione doveva completarsi nel 2018, ma diversi problemi, oltre a nuovi scavi e scoperte, hanno ritardato i lavori. Inoltre, lo scorso maggio, il governo ha spostato quattro sfingi da dietro il tempio di Karnak fino alla piazza Tahrir al Cairo. Non sono statue della Kabbash Road ma hanno uno stile simile. La decisione ha attirato forti critiche da parte degli egittologi: «Queste statue sono fatte di arenaria e provengono da Luxor, dove il tempo è secco», ha dichiarato al Times Monica Hanna, archeologa dell’Accademia araba di scienze, tecnologia e trasporto marittimo. «Il clima del Cairo, la seconda città più inquinata al mondo, le distruggerà».

I forni romani (Ministero delle Antichità d’Egitto)

Il muro romano (Ministero delle Antichità d’Egitto)

Il muro in pietra arenaria (Ministero delle Antichità d’Egitto)

(Ministero delle Antichità d’Egitto)

Smithsonian

Egypt Today

Al Ahram

Ministero delle Antichità d’Egitto

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: