Vai al contenuto

Scoperte 252 monete vichinghe a Ribe

novembre 12, 2018

Il viso del re? (Sydvestjyske Museer)

Il fortunato ritrovamento di una rara moneta col metal detector ha portato alla scoperta di 252 monete vichinghe. Il tesoro si trova vicino a Ribe, la città più antica della Danimarca. Furono gettate sul fondo di una palude come offerta rituale per gli dèi norreni oppure perse da un mercante, all’inizio del IX secolo, durante il regno di Goffredo di Danimarca.

Gli scavi nel terreno paludoso. All’epoca Ribe era l’emporio più importante dello Jutland meridionale (Sydvestjyske Museer)

La prima moneta era stata trovata dal cercatore dilettante Tommy Lybekker, lo scorso 14 agosto. Sul dritto vi era un viso con occhi spalancati, capelli irti e baffi, mentre il rovescio era inciso con un cervo o un daino davanti a un serpente. Finora erano noti solo 11 esemplari di questa moneta vichinga, coniata in Danimarca verso l’800-825 d.C. «Il giorno successivo abbiamo contattato lo scopritore della moneta, e presto è risultato che sul terreno ce n’erano molte», ha raccontato l’archeologo Morten Søvsø (Sydvestjyske Museer). Finora sono state trovate 252 monete in quella che era una palude, così ben conservate che sembrano appena coniate, ma invece hanno circa 1200 anni. Di queste, 249 mostrano la rara combinazione testa/cervo, mentre sulle altre 3 è incisa una nave vichinga con un pesce sotto la chiglia. Risalgono al regno di Goffredo di Danimarca o di un suo successore.

«Tutte le monete sono integre, non sono né rotte né forate», ha dichiarato Søvsø a National Geographic. «Erano soldi veri, Ribe aveva una sua economia monetaria. Il tesoro è un’offerta che venne fatta in una palude, probabilmente un sacrificio a un dio pagano. Agli inizi del IX secolo i Danesi erano ancora pagani e adoravano Odino, Thor e il resto degli dèi nordici. Per quanto riguarda le incisioni sulle monete, non siamo del tutto sicuri: nella parte anteriore il viso-maschera potrebbe rappresentare il re danese, ma non conosciamo il significato del cervo e del serpente sul retro. Se ne trovano in altri contesti e potrebbero essere correlati a qualche storia o mito che purtroppo sono andati perduti».

(Sydvestjyske Museer)

(Sydvestjyske Museer)

(Sydvestjyske Museer)

La posizione delle monete mappata con un GPS di precisione. Erano distribuite su un’area di 50 x 15 metri (Sydvestjyske Museer)

(Sydvestjyske Museer)

(Sydvestjyske Museer)

National Geographic

Sydvestjyske Museer

Medieval Histories

TV 2 Danmark

 

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: