Skip to content

La top ten delle scoperte col metal detector

settembre 27, 2009

La recente scoperta di un grandioso tesoro degli anglosassoni fatta da Terry Herbert col metal detector ha alimentato i sogni di tutti i suoi “colleghi”. Ma Herbert non è l’unico dilettante: altri ritrovamenti hanno sbalordito gli archeologi e provato che questo hobby può portare a incredibili – e lucrativi – risultati.

heritage-key.com ne propone una classifica:

1. Shrewsbury, 2009

“Questo metal detector sta giocherellando” avrà pensato all’inizio Nick Davies quando, dopo la sua prima perlustrazione in assoluto, ha trovato un vaso d’argilla pieno di più di 10000 monete Romane. Ottiene la prima posizione per la pura fortuna.

(portableantiquities/flickr)

(portableantiquities/flickr)

2. Winchester, 2000

Il fioraio in pensione Kevan Halls è il responsabile per questo bottino. Include 1 kg di gioielli d’oro che si è dimostrato un mistero: i manufatti sono Romani, ma sono precedenti all’invasione della Britannia.

(britishmuseum.org)

(britishmuseum.org)

3. Vale of York, 2007

Questa collezione di gioielli e monete vichinghe trovata ad Harrogate è stata comprata dal British Museum e lo Yorkshire Museum in York per 1.1 milioni di sterline.

(Trustees of the British Museum)

(Trustees of the British Museum)

(Trustees of the British Museum)

(Trustees of the British Museum)

4. La moneta di Domiziano, 2003

Solo una singola moneta, ma è fruttata 47000 sterline a Brian Malin. Ha provato l’esistenza del poco conosciuto imperatore Domiziano II. Solo un’altra moneta, scoperta nella Loira, portava inciso il suo ritratto, ma è stata considerata un falso fino a quando non è saltata fuori questa.

(BBC)

(BBC)

(BBC)

(BBC)

5. Hoxne, 1992

Un deposito di 15000 monete Romane d’oro e d’argento del tardo 4′ e inizio 5′ secolo, oltre a gioielli ed oggetti preziosi. 1.75 milioni di sterline per il dilettante Eric Lawes.

(britishmuseum.org)

(britishmuseum.org)

6. Wickham Market, 2009

824 monete dell’Età del Ferro contenute in un vaso rotto giacevano in un campo a Wickham Market vicino a Suffolk.

(Tao Zhyn)

(Tao Zhyn)

7. Staffordshire Moorlands Pan, 2003

Questo recipiente di bronzo del 2′ secolo è rarissimo: porta incisi i nomi dei forti Romani posizionati lungo il Vallo di Adriano; forse era una sorta di souvenir.

(S.Laidlaw, IOA)

(S.Laidlaw, IOA)

8. West Hanney, 2009

Il 56enne Chris Bayston ha scoperto questo teschio e questa spilla incrostata d’oro durante un raduno del Weekend Wanderers Metal Detectors Club (!). Gli oggetti appartenevano forse ad una principessa Sassone.

(heritage-key.com)

(heritage-key.com)

9. Ringlemere Barrow, 2001

Cliff Bradshaw ha guadagnato 270000 sterline per aver trovato questa preziosa coppa d’oro dell’Età del Bronzo, datata al 1700-1500 a.C. nel sito archeologico di Ringlemere Barrow, vicino a Kent. Ci sono solo altri 5 reperti simili in tutta Europa.

(Ryan Chatfield)

(Ryan Chatfield)

10. Staffordshire, 2009

L’ultima scoperta è enorme: il più grande tesoro Anglo-Sassone. È l’unico ritrovamento di valore fatto da Terry Herbert – che vive da solo in una casa popolare con contributi di disabilità – in 18 anni di ricerche col metal detector.

(portableantiquities/flickr)

(portableantiquities/flickr)

Aggiornamento.

Un altro ritrovamento col metal detector che meriterebbe il primo posto: 4 torques d’oro scoperte in Scozia.

7 commenti leave one →
  1. novembre 4, 2009 11:08 am

    There’s a new one! The ‘Stirling Hoard’. (Golden Torcs dating to 100-300AD)

  2. Sante il bandito permalink
    novembre 30, 2012 6:37 pm

    Che culo!!!!!!!!

  3. Michele permalink
    agosto 30, 2013 10:08 pm

    il problema è se li avessero trovati in Italia, li avrebbero risarciti o riconosciuti???

    • Claudio permalink
      settembre 30, 2013 10:52 pm

      Certo che no. Immagina se esistesse una classifica tale in Italia… sarebbe una top 100. Tuttavia gli italiani preferiscono non rendere noti i propri ritrovamenti (a discapito della ricerca scientifica) per l’atteggiamento ostruzionistico da parte dello Stato. Se avessimo una legge sui Beni Culturali simile a quella inglese o a quella tedesca potremmo campare tutti sul turismo, le mostre ed il commercio controllato dei reperti dozzinali (monete, particolari classi ceramiche, copie statuarie di epoca romana, etc…).

Trackbacks

  1. 4 torques d’oro scoperte in Scozia « Il Fatto Storico
  2. Scoperte più di 52000 monete Romane « Il Fatto Storico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 468 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: